L’analisi breve, ma dettagliata, di Inter-Roma 1-1

commento Inter-Roma
Inter-Roma

Editoriale che ho preparato per la testata giornalistica internazionale Blasting News

Finisce 1-1 l’atteso posticipo domenicale del Meazza tra Inter Roma, che conferma ancora di più che le prime due, Napoli e Juventus, stanno scappando e probabilmente faranno un campionato a sè.

Roma meglio nel primo tempo

Una Roma intelligente ed anche bella a vedersi pressa alto per tutto il primo tempo, fino al goal meritato di El Shaarawy al 31′, favorito nell’occasione da un errore macroscopico di Santon. La prima frazione si chiude in equilibrio come occasioni (anzi alla fine è l’Inter a costruirne di più) e come proteste, visto che Icardi e Florenzi chiedono entrambi il rigore (c’erano tutti e 2, ma ‘il Var ha cambiato protocollo‘, ormai non va quasi mai più contro l’arbitro, a meno di errori clamorosi), ma con la Roma in vantaggio proprio per una migliore praticità ed intelligenza tecnico tattica (ed un possesso palla più alto rispetto a quello degli avversari).

Predominio Inter nella ripresa, fino al pari meritatissimo

Nel secondo tempo l’Inter, oltre a predominare come occasioni, prende in mano anche il gioco ed il possesso palla, sfiorando a ripetizione il pari che non coglie anche grazie ad un Alisson sempre più in versione super (non per niente il portiere brasiliano è richiestissimo da tutte le big europee). Quando poi la Roma in versione difesa a 3 o a 5 (3 centrali con l’aggiunta di Juan Jesus, più Bruno Peres e Kolarov) sta già pregustando i 3 punti, arriva l’inzuccata decisiva di Vecino (stavolta Alisson non si conferma superlativo) su cross di Brozovic, subentrato ad inizio ripresa al posto di Gagliardini.

Inter-Roma: le statistiche della partita

Il possesso palla se lo aggiudica l’Inter con il 52% contro il 48% della Roma, grazie ad una grande rimonta nella ripresa in questo fondamentale.

I tiri sono 17 a 7, sempre per i nerazzurri, così come 7 a 1 finisce la sfida contro i giallorossi per quanto riguarda i tiri in porta. Più equilibrato il conto dei corner con la squadra di Spalletti che vince di misura con 6 calci d’angolo a 5.

Con i recuperi delle gare Sampdoria-Roma e Lazio-Udinese, in programma mercoledì prossimo, si potrà finalmente gustare una classifica più veritiera, ma l’impressione è già ora che la lotta per lo scudetto si possa chiudere a 2 pretendenti soltanto, con Lazio (che potenzialmente in questo momento, in classifica, è messa meglio delle altre 2), Inter e Roma a combattere per il 3′ e 4′ posto in classifica, che valgono la qualificazione alla prossima Champions League.

Precedente Calciomercato Serie A, Rafinha è un giocatore dell'Inter: tutti i dettagli Successivo Calciomercato Torino: stavolta si può chiudere davvero per Donsah

Lascia un commento

*